Arriva la nuova patente, regole più severe. E intanto in Italia ogni 8 ore muore un motociclista

L’Italia è il primo paese in Europa per numero di morti in moto: uno ogni 8 ore. Nel 2011 sono state 1.030 le persone che hanno perso la vita in incidenti sulle due ruote, quasi un terzo dei 3.860 morti complessivi per incidenti stradali.

E’ quanto denuncia il Segretario Generale, Fondazione Ania, Umberto Guidoni, secondo il quale “l’introduzione delle nuove norme è importante passo per tentare di arginare il fenomeno”. Le modifiche al codice della strada che entreranno in vigore domani rappresentano un importante passo per arginare questo fenomeno”.

E parlando proprio delle disposizioni normative che scatteranno dal prossimo 19 gennaio e che riguarderanno, in prevalenza, moto e motocicli, il Segretario Generale dellaFondazione Ania spiega che “le modifiche, tra le altre cose, prevedono la cancellazione del vecchio patentino per i ciclomotori, trasformato in patente AM, e porteranno ad un innalzamento da 21 a 24 anni del limiti di età per condurre moto di potenza elevata (oltre 35 Kw).

Complessivamente le patenti di guida passeranno da 9 a 15 e, sia per cio’ che riguarda i mezzi a due ruote sia per cio’ che riguarda gli altri veicoli, verranno introdotte misure che allineeranno l’Italia agli standard previsti dall’Unione europea”. “Cio’ che deve essere chiaro – spiega Guidoni – è che le nuove disposizioni non sono da considerare meri appesantimenti burocratici o amministrativi, nè nuovi oneri per gli italiani. Le novità legate alle patenti per moto e motorini contribuiranno a far crescere la cultura del rispetto delle regoledella strada e il senso civico dei conducenti.

La Fondazione Ania, ricorda la nota, “si è battuta a lungo perché fossero introdotte misure in grado di aumentare la sicurezza dei centauri e, in tal senso, l’introduzione dell’obbligatorietà della prova pratica per ilconseguimento del patentino dei ciclomotori è stata un punto fondamentale”.

“Ottenuto questo, siamo convinti – prosegue il comunicato – che le nuove normativeconsentiranno di guidare moto piu’ veloci e più potenti solo dopo alcuni anni di guida su mezzi più alla portata di conducenti inesperti che forniranno quella formazione necessaria per poter condurre mezzi che hanno un rapporto peso/potenza maggiore.

In questo modo ogni centauro verrà correttamente formato tramite step progressivi, verificabili attraverso prove pratiche. In Italia, sono morte 1.030 persone in incidenti sulle due ruote, quasi un terzo dei 3.860 morti complessivi per incidenti stradali registrati nel nostro Paese nel 2011. Dati agghiaccianti che non potevano nè dovevano lasciare indifferenti. Ci auguriamo che queste nuove disposizioni contribuiscano ad arginare una così vasta perdita di giovani vite umane”.

Fonte web

http://affaritaliani.libero.it/cronache/incidenti-stradali-motociclisti-morti.html?refresh_ce

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...