DICHIARAZIONE DEI REDDITI, ECCO COSA DETRARRE:

Sono detraibili le spese mediche, chirurgiche, le analisi, i medicinali, le prestazioni rese da medico generico e quelle specialistiche. La detrazione spetta solo se la spesa è certificata da fattura o “scontrino parlante” (nel caso di medicinali) , ed è usufruibile senza limiti d’importo con franchigia di 129,11 euro . La detrazione è conseguibile anche per spese sostenute a favore del familiare fiscalmente a carico. Per spese superiori a €15.493,71 è consentita la detrazione in quattro quote annuali. a cura di Alfredo Calvano – Il Sole 24 Ore – leggi su http://24o.it/11RNvr

 

Riguardano le spese (visite e medicinali) relative agli animali detenuti legalmente solo a scopo di compagnia o per la pratica sportiva (sono esclusi ad esempio gli animali d’allevamento); la detrazione compete entro un limite di spesa di 387,34 euro e con una franchigia di 129,11 euro. a cura di Alfredo Calvano – Il Sole 24 Ore – leggi su http://24o.it/Az8gq

Nessuna franchigia. E’ consentita la detrazione in quattro quote annuali. E’ detraibile l’acquisto (anche se sostenuto per familiari a carico) di:1) mezzi necessari all’accompagnamento, alle deambulazione, alla locomozione (poltrone, carrozzelle, ascensori speciali); 2) sussidi tecnici e informatici per facilitare l’autosufficienza; 3) autoveicoli e motoveicoli adattati; in quest’ultimo caso la detrazione spetta per una sola volta in un periodo di quattro anni, per un solo veicolo ed entro un tetto massimo di 18.075,99 euro. E’ necessaria anche l’attestazione del medico. a cura di Alfredo Calvano – Il Sole 24 Ore – leggi su http://24o.it/XDfs4

Sulle spese sostenute per l’assistenza di persone non autosufficienti , è riconosciuta la detrazione su un importo massimo di 2.100 euro, purché il reddito complessivo dell’assistito non sia superiore a 40.000 euro. E’ necessario che la condizione di non autosufficienza sia attestata da certificazione medica; la spesa deve inoltre essere documentata da una quietanza firmata da soggetto che presta l’assistenza. La detrazione spetta anche al familiare che sostiene la spesa e l’assistito non deve essere fiscalmente a carico. a cura di Alfredo Calvano – Il Sole 24 Ore – leggi su http://24o.it/rSTQw

La detrazione degli interessi passivi e degli oneri accessori corrisposti a fronte di un contratto di mutuo ipotecario per l’acquisto dell’abitazione principale, è ammessa fino ad un massimo di 4.000 euro (2.582,28 euro per la costruzione/ristrutturazione). La detrazione spetta per gli interessi effettivamente pagati nell’anno d’imposta (criterio di cassa) . Per poter usufruire del bonus, è necessario che l’ immobile acquistato sia adibito ad abitazione principale (anche di un familiare) entro un anno e che il rogito avvenga nell’anno precedente o successivo alla stipula del mutuo a cura di Alfredo Calvano – Il Sole 24 Ore – leggi su http://24o.it/7X18t

 

LEGGI TUTTO SUL SITO:http://www.ilsole24ore.com/art/norme-e-tributi/2013-05-28/sconti-fiscali-asili-nido-115223.shtml?uuid=AbwjDzzH#navigation

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...