Ingegneri: nuovo parere sull’obbligo di assicurazione RC

Scritto il 12 giugno 2013 da ComparaFinanza

L’obbligatorietà dell’assicurazione professionale, prevista a partire dal 13 agosto 2013, sta causando non pochi dibattiti all’interno degli ordini e fra i professionisti. Ricorda che puoi scegliere di tutelare la tua attività e il tuo patrimonio prima di tutto richiedendo senza impegno un preventivo per l’assicurazione professionale.

Una voce autorevole giunge anche dal CNI, il Centro Studi del Consiglio Nazionale degli Ingegneri, il quale ha espresso un parere importante relativamente all’obbligatorietà delle polizze RC professionali per gli ingegneri. Secondo il CNI si tratterebbe infatti di una questione che lascia aperte alcune interpretazioni.

Innanzitutto va effettuata una distinzione tra il professionista che esercita in modo effettivo la professione, con tanto di clienti e progetti in corso, e quello invece solamente iscritto all’ordine.

Secondo l’autorevole organismo, l’obbligo di assicurazione non varrebbe per tutti, ma solo per chi esercita effettivamente la professione di ingegnere. L’obbligatorietà si fonda infatti sulla necessità di preservare chi entra in contatto con il professionista da eventuali danni che potrebbero sorgere a seguito di errori o disattenzioni professionali. Questo rischio si verifica solo quando il professionista risulta operativo, mentre i soli iscritti all’ordine, non esercitando, sarebbero esclusi dall’obbligatorietà.

Il CNI ha inoltre individuato altri professionisti sui quali l’obbligo non grava, come ad esempio gli ingegneri assunti dalla Pubblica amministrazione che esercitano per la stessa un’attività in via esclusiva, e i dipendenti nel settore privato ai quali non sia richiesto di firmare i progetti.

Un parere questo in contrasto con la legge che sul punto prevede l’assicurazione obbligatoria per tutti i professionisti iscritti, senza distinzione tra chi esercita e chi invece non pratica l’attività di ingegnere pur essendo iscritto all’ordine.

Si prevedono ulteriori sviluppi nei prossimi mesi, ma è importante ricordare che le assicurazioni professionali non coprono solo la responsabilità civile, ma anche la tutela legale e i danni da infortunio. Quest’ultima opzione è molto utile per il professionista in quanto copre per un periodo di 12 mesi gli eventuali costi fissi a cui non si possa provvedere essendo temporaneamente inabili al lavoro a causa dell’infortunio.

Cattura1

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...