Se possiedi un giardino o un terrazzo, ecco per Te il Bonus verde: la novità della legge di Bilancio 2018

Nuova detrazione per giardini e terrazzi domestici

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Nel pacchetto della manovra di Bilancio 2018 dedicato alla casa fa il suo esordio il bonus verde. Si tratta di una detrazione Irpef del 36% sulle spese sostenute per la sistemazione di giardini, terrazzi, coperture, entro un limite massimo di spesa di 5mila Euro per ogni unità immobiliare, da ripartire in 10 quote annuali di pari importo (il che si traduce in una detrazione massima di 1.800 Euro, con rate da 180 Euro).

La conferma è arrivata con la pubblicazione della legge di Bilancio 2018. Considerando la curiosità legata a questo bonus, appare utile fornire alcune anticipazioni, in attesa di ulteriori chiarimenti che arriveranno probabilmente con i consueti documenti di prassi.

Bonus verde, cos’è

Il bonus verde altro non è che un’altra detrazione Irpef legata alla casa. Ad essere agevolato, però, questa volta non è il mattone ma il verde.

I contribuenti potranno detrarre il 36% delle spese documentate relative al verde, fino a un massimo di 5mila euro per ogni unità immobiliareLe spese agevolabili saranno quelle dedicate alla:

  • sistemazione a verde di aree scoperte private di edifici esistenti, unità immobiliari, pertinenze o recinzioni, impianti di irrigazione e realizzazione di pozzi;
  • realizzazione di coperture a verde e di giardini pensili.

 La detrazione spetterà anche per le spese sostenute per interventi effettuati sulle parti comune esterne condominiali, sempre nel limite massimo di 5mila euro per unità. In tal caso la detrazione spetta al singolo condomino, nel limite della quota a lui imputabile, purché la quota sia stata effettivamente versata al condominio entro i termini di presentazione della dichiarazione dei redditi.

Tra le spese agevolabili rientreranno anche quelle di progettazione e manutenzione connesse all’esecuzione degli interventi.

I pagamenti, come avviene già per le altre detrazioni legate alla casa, dovranno essere eseguiti con strumenti idonei a consentire la tracciabilità delle operazioni.

La detrazione sarà poi ripartita in sede di dichiarazione, in dieci quote annuali.

Ecco il testo della legge bilancio 2018

Leggi anche:

Assicurazione casa: nuovo bonus dalla Legge di Bilancio 2018

 

PROTEGGERE LA TUA CASA E’ UNO SPETTACOLO.PROTEGGERE LA TUA CASA E’ UNO SPETTACOLO.

ASSICONSER ti offre La polizza casa studiata appositamente per tutelare te, le persone più care e il luogo che più di tutti ti ispira sicurezza!

Le imprudenze più comuni quando si guida la bicicletta

I numeri parlano chiaro; in Italia si usa sempre più spesso la bicicletta per i percorsi urbani, ma purtroppo non sempre prestando attenzione alle regole del codice della strada e, anche per questo, gli incidenti mortali che coinvolgono ciclisti sono aumentati del 9,6% in un anno (Fonte Istat); un decesso ogni 32 ore.ragazzedanesisexybiciclettabellebellaragazzadanesedanimarcacopenaghenchicfascinobellezzanordica28429

Facile.it , ha voluto indagare su quali siano le regole non rispettate da chi in città viaggia sulle due ruote a pedali e i dati emersi tracciano il quadro di una lunga serie di gravi leggerezze, spesso pericolosissime.

Il sondaggio, realizzato lo scorso novembre su un campione di circa 1.000 italiani maggiorenni, ha evidenziato come in cima alle regole non rispettate dai ciclisti ci sia quella di dotare la bicicletta di faretti e catarifrangenti (87%), seguita a poca distanza dal mancato utilizzo del casco (71%).

Va detto che, sovente, i ciclisti fanno le spese di imprudenze commesse da automobilisti con cui, in virtù della cronica scarsezza di piste ciclabili delle nostre città, sono costretti a condividere la carreggiata. Per questo motivo, però, sebbene il codice della strada non ne imponga l’uso ai ciclisti, sarebbe molto importante dotarsi di uno specchietto retrovisore, montato in appena 3 biciclette ogni 10.

Continuando a scorrere la classifica dei comportamenti imprudenti messi in atto dai ciclisti (e questa volta sì, contrari anche al codice della strada) ci si imbatte in un altro elemento connesso all’assenza di piste ciclabili; il 60% dei rispondenti al sondaggio ha dichiarato di pedalare sul marciapiede facendo lo zig zag fra i pedoni. È curioso notare come questo sia l’unico caso in cui le donne “imprudenti” rappresentino la maggioranza dell’insieme (51% vs 49%).

Ultima delle infrazioni messe in pratica da più di un ciclista su due (53%), il mancato utilizzo del giubbotto catarifrangente.

Anche la troppa sicurezza in se stessi può essere pericolosa e dovrebbero ben saperlo il 33% di intervistati che, se vanno in bicicletta in gruppo non viaggiano in fila indiana, ma uno accanto all’altro o il 17% che, addirittura, viaggia senza mettere le mani sul manubrio.

Sotto al 10%, ma comunque tutti molto pericolosi, anche gli ultimi comportamenti entrati nella classifica prodotta dall’indagine di Facile.it; il 9% degli intervistati porta con sé anche passeggeri maggiorenni, il 6% resta in sella alla bici anche quando ha il cane al guinzaglio e, con somma pigrizia e sprezzo del pericolo, il 4% si lascia trainare da un amico in auto tenendosi alla portiera.

Ecco di seguito i dati emersi dall’indagine di Facile.it:

 

Comportamento   % di rispondenti che lo mette in pratica
Viaggiare senza faretto davanti e catarifrangenti

                            87%

Mancato utilizzo del casco

                           71%

Mancato utilizzo dello specchietto retrovisore

                            70%

Viaggiare sul marciapiede

                            60%

Non procedere in fila indiana,

ma affiancati ad altri ciclisti

                          33%

Procedere senza tenere le mani sul manubrio

                         17%

Trasportare altri passeggeri

(non bambini su seggiolini)

                        9%

Portare il cane al guinzaglio senza scendere dalla sella

                                   6%

Farsi trainare da un’auto in movimento

                       4%

Articolo tratto da Facile.it

Risparmia fino a 500€ sulla RC auto clicca-qui[1]copia-di-assiconser

Assicurazione casa: nuovo bonus dalla Legge di Bilancio 2018

La Legge di Bilancio 2018 contiene un importante bonus fiscale sull’assicurazione casa contro le calamità naturali (terremoti, alluvioni, frane e simili): la detrazione del 19%, già prevista per le polizze vita, dal prossimo anno si applicherà anche ai contratti assicurativi stipulati per difendersi da ogni genere di evento calamitoso a protezione della casa.

La misura è stata adottata per incentivare la sottoscrizione di polizze che assicurano contro i disastri naturali (attualmente stimate in circa 400 mila), in modo da sollevare lo Stato da parte delle enormi spese destinate alla ricostruzione, stimate in circa 3,3 miliardi di euro all’anno.

L’Italia,com’è noto,

Assicurazione Auto…Scopri Il Risparmio ASSICONSER
Scopri Ora se quello Che PAGHI per La TUA ASSICURAZIONE AUTO e’ il GIUSTO PREZZO… Basta un Click… …E Ricevi Subito la Risposta Sulla Tua E-MAIL

pur essendo un paese ad alto rischio idrogeologico e sismico, non prevede la copertura obbligatoria dei rischi catastrofali sugli immobili, come per esempio avviene in Francia e in altre nazioni. E il Governo, per far fronte alla gestione dei danni economici connessi a questi eventi, ha deciso quindi di seguire la strada dell’incentivo fiscale.

Ma perché gli italiani (soprattutto quelli che vivono nelle zone più delicate) si assicurano poco contro le calamità naturali, nonostante gli ormai frequenti casi di terremoti e alluvioni? Innanzitutto per i costi, spesso percepiti come troppo elevati, poi perché sottovalutano la possibilità di essere danneggiati e coinvolti da questo tipo di eventi, e infine perché danno per scontato l’intervento e l’aiuto da parte dello Stato.

Con il bonus fiscale sull’assicurazione casa contro le calamità naturali il Governo conta di incrementare del 20% annuo il numero di queste polizze, fino a stabilizzarsi dopo cinque anni di applicazione. Infatti, come si legge nel comunicato stampa emanato da Palazzo Chici “se si ipotizza un importo medio del premio versato di 150 euro e applicando l’aliquota del 19%, dovrebbe verificarsi una perdita di gettito Irpef di competenza pari a 13,7 milioni di euro per il 2018, 16 per il 2019, 18,2 per il 2020, 20,5 per il 2021 e 22,8 a partire dal 2022″. Vedremo se queste previsioni andranno a buon fine, ma non c’è dubbio che ultimamente, tra bonus assicurazione casa, assicurazione affitto e cedolare secca (rinnovata fino al 2019), ai possessori di case siano state riservate numerose agevolazioni. Chissà se questi provvedimenti serviranno per rilanciare ulteriormente il mercato immobiliare.

Articolo tratto da Facile.it

Leggi anche: Premi di Assicurazione per Alluvioni e Terremoti detraibili dal 2018

PROTEGGERE LA TUA CASA E’ UNO SPETTACOLO.
PROTEGGERE LA TUA CASA E’ UNO SPETTACOLO. Leggi Articolo…

PROTEGGERE LA TUA CASA E’ UNO SPETTACOLO.

5c5cdirezione-gr-u-it5cdata5ccomunicazione_newmedia5cwebappsocial5cprogetti5ctpd5cpiano_lavoro5ccontenuti5cnuovosito-materiali5cjpgpremiumonline5cpremiumonline1440x570px

ASSICONSER ti offre La polizza casa studiata appositamente per tutelare te, le persone più care e il luogo che più di tutti ti ispira sicurezza!

Un sistema esclusivo che unisce protezione su misura, sistemi di sicurezza hi-tech e un’assistenza attiva 24h su 24. Molto più di una polizza assicurativa. Più innovazione di tecnologia e servizio per la tua tranquillità in casa.

 

cliente

Un Sistema di domotica avanzata che ti allerta in caso di emergenza, ti assiste con una Centrale Operativa sempre attiva e ti aiuta, con artigiani pronti a riparare eventuali danni.

 

 

Guarda il Video

 

Componi e Sviluppa da solo la Tua Nuova Polizza Casa,

Scegli I massimali e le Garanzie

clicca-qui[1]

Assicurazione auto: l’auto del futuro

Secondo Mc Kinsey, nota società di consulenza a livello internazionale, le automobili del futuro (neanche troppo lontano) saranno sempre più connesse ad internet. Ci sarà un maggiore utili1-originalzzo dei car data ma anche degli advanced analytics che porteranno ad implementare l’attuale livello di sicurezza sulle auto, sfruttando a pieno le potenzialità della rete. Entro il 2030 i dispositivi hi-tech registreranno una diffusione altissima contribuendo a dare slancio ad un segmento di mercato che da solo arriverebbe a valere circa 500 miliardi di dollari.

Tutto ciò, come si può immaginare, avrà un grande impatto anche sul fronte dell’assicurazione auto, che dovrà necessariamente rimodularsi sulle base delle nuove esigenze dei guidatori. Senza contare poi che, la sempre più ampia diffusione di tutti questi particolari dispositivi, potrebbe portare ad un maggiore livello di sicurezza al volante riducendo drasticamente il numero di incidenti stradali.

Realisticamente sembra che saranno necessari ancora una decina di anni perché questi sistemi di nuova tecnologia entrino a pieno regime sulle vetture ma le prospettive evidenziate sono positive, specialmente se si considera lo stato attuale delle cose. I guidatori infatti sembrano apprezzare tutti quegli strumenti che facilitano l’uso dell’automobile: basti pensare ai sensori di parcheggio, presenti in più della metà dei mezzi circolanti, ma anche il navigatore, elemento ormai irrinunciabisara-services-3le per l’80% del campione.

Molti sono gli studi che, specialmente negli ultimi tempi, si sono occupati di indagare quali saranno le caratteristiche principali del parco auto che circolerà nei prossimi anni sulle nostre strade. Stando a quanto comunicato da un’indagine curata da KPMG le famiglie diventeranno sempre più attente all’ambiente – ed al proprio portafoglio – scegliendo sempre di più i servizi di car- sharing. È stato stimato, ad esempio, che negli Usa entro 25 anni quasi la metà delle famiglie non possiederà più un’auto di proprietà, preferendo mezzi a noleggio, pubblici o condivisi.

Tratto da Facile.it

ASSICONSER PREMIUM MEMBER
FACILE.IT

PARTNER NETWORK!

Risparmia fino a 500€ sulla RC auto clicca-qui[1]

Casa e risparmio energetico

Il modo migliore per tenersi al riparo da costi imprevisti legati alla propria abitazione è – come sappiamo –l’assicurazione casa. L’assicurazione, però, si fa una volta soltanto all’anno. Ci sono, invece, alcuni piccoli gesti che possono aiutarci a risparmiare nella quotidianità, giorno dopo giorno, non solo sui danni coperti dalla polizza, ma su tutte le costose bollette che ogni mese arrivano nelle nostre caselle di posta.

Per gestire al meglio e cercare di risparmiare sull’economia domestica bisogna eliminare gli sprechi di gas, elettricità e acqua. Seguendo pochi piccoli accorgimenti, alcuni dei quali banali ma utili, ogni famiglia potrebbe risparmiare notevolmente sul consumo energetico domestico.

LUCE

  • Scegliere lampadine fluorescenti compatte a basso consumo, costano di più ma durano 8/10 anni per cui la spesa viene ampiamente ammortizzata.
  • Ricordarsi di spegnere la luce quando si passa da un locale all’altro.
  • Ridurre i punti luce. Un’unica lampadina da 100W consuma meno di 4 lampadine da 25W.

ELETTRODOMESTICI

  • Acquistare elettrodomestici facendo attenzione alla classe energetica, cercando di evitare quelle sotto la A; la A+++ è quella che consuma meno.
  • Utilizzare lavatrice e lavastoviglie sempre a pieno carico evitando il prelavaggio, si risparmia sia su luce che su acqua. Per la lavatrice fare attenzione anche alla classe energetica in centrifuga.
  • Il frigorifero va tenuto lontano da fonti di calore e distanziato dalla parete. Scegliere un modello No Frost che rende più rapido il congelamento e impedisce la formazione della brina. Non inserire cibi caldi, regolare la temperatura del frigo tra 5 e 7° e quella del congelatore tra -18 e -15°.
  • Preferire lo scaldabagno a gas a quello elettrico.

RISCALDAMENTO

  • Regolare la temperatura non oltre i 21°, ridurla a 18° nelle ore notturne.
  • Doppi vetri, doppi serramenti e isolamento dei cassoni evitano dispersioni di calore. Abbassare le tapparelle quando fa buio.
  • Non coprire i termosifoni.

ACQUA

  • Non aprire il rubinetto al massimo.
  • Chiudere i rubinetti quando ci si insapona o si lavano i denti e preferire la doccia al bagno, perchè si risparmiano parecchi litri d’acqua.
  • Lavare frutta e verdura tenendola a bagno e non sotto l’acqua corrente.
  • Controllare il contatore dell’acqua, se a rubinetti chiusi continua a girare significa che ci sono delle perdite.

Risparmiando sui consumi energetici, riusciamo non solo a migliorare il bilancio familiare, ma anche a dare una mano all’ ambiente in cui viviamo.

 

Articolo tratto da

https://www.genialloyd.it/GlfeWeb/news/consigli-risparmio-energetico.html

 

ASSICONSER

Via Nazionale, 57

Stanghella (Pd)

Tel/Fax 0425/1830146

 

 

Non Solo Business

CESTO1

SCAMBIA IL TUO LIBRO

Da qualche giorno, Trovi Presso i nostri uffici di Via Nazionale, 57 a Stanghella (Pd), Un angolino con un cesto di Raccolta/Scambio libri usati.

PORTA I TUOI LIBRI e CONDIVIDILI con altre persone…

E’ un’ iniziativa dedicata a TUTTI….”Lasci un libro (o più di uno) e  peschi dal cesto quello che ti interessa!”

TORNIAMO A LEGGERE….RISCOPRIAMO IL PIACERE DELLA LETTURA….

ASSICONSER

Vai Nazionale, 57

35048  Stanghella (Pd)

 

La Nuova Sede…Grazie!!

Benvenuti

nella

Nuova Sede

di

ASSICONSER

GRAZIE a Tutti Coloro che Hanno Consentito alla Nostra Struttura di Crescere ed Ampliarsi. Un Grazie Particolare ai Nostri CLIENTI che continuando a sceglierci negli anni e con la loro opera di diffusione grazie al passaparola, hanno permesso Tutto Questo.

WP_20160514_16_51_19_Pro

Ci Trovi a Stanghella (Pd) Via Nazionale, 57

(Sotto i portici, Vicino al Bancomat della Cassa di Risparmio Del Veneto)

WP_20160514_15_41_08_Pro

 

WP_20160514_15_39_21_Pro

Molto è Stato fatto e molto ancora si dovrà Fare…ma sicuramente, Grazie al supporto dei nostri Clienti e Grazie alla collaborazione di Sara e Roberto, non mancheremo nei prossimi tempi di rendervi partecipi di Nuovi e Interessanti Successi, legati a Nuovi Servizi e Offerte Strepitose a Voi Riservate.

WP_20160514_15_40_43_Pro

Sempre Qui…In Via Nazionale,57 a Stanghella (Pd).

 

Grazie Ancora!

Davide

Clicca Qui Per saperne di Più su:

ERRE CONSULTING & SERVICES 

SARA SERVICES INFORTUNISTICA STRADALE

SARA MARKETING SERVICES

ASSICONSER Group