Assicurazione auto scaduta: rinnovo, periodo di tolleranza e sanzioni

Guai a circolare senza assicurazione o con l’assicurazione auto scaduta: l’art. 193 del Codice della Strada obbliga infatti gli automobilisti a dotarsi di una polizza assicurativa di responsabilità civile (la cosiddetta Rc auto), pena una pesantissima sanzione pecuniaria e il sequestro del veicolo.donne-al-volante-ap7[1]

Il contratto di assicurazione auto va rinnovato alla scadenza (in genere ogni anno, ma ci sono polizze di diversa durata): entro 30 giorni prima della decorrenza dei termini gli automobilisti ricevono dalla propria compagnia assicurativa un promemoria con l’invito a rinnovare. A questo punto si aprono due strade: si può continuare con la medesima compagnia, stipulando con essa un nuovo contratto, o sceglierne un’altra che magari propone condizioni più vantaggiose. Se si opta per la seconda soluzione non c’è bisogno di inviare alcuna disdetta alla vecchia compagnia, visto che il vincolo si esaurisce in via naturale alla scadenza della polizza (una volta, quando c’era ancora il tacito rinnovo, la procedura era decisamente più complicata).

Quanto va effettuato il rinnovo dell’assicurazione auto? Ovviamente entro la scadenza, ma la legge concede una sorta di periodo di tolleranza della durata di 15 giorni. In pratica, per ovviare a possibili ritardi burocratici o ad eventuali dimenticanze, la vecchia polizza resta valida per i 15 giorni successivi alla data di scadenza, decorsi i quali, se non si è ancora provveduto al rinnovo, viene definitivamente meno la copertura assicurativa. Ricordiamo che dopo le recenti novità in tema di dematerializzazione dei documenti, gli automobilisti non sono più obbligati ad esporre il tagliando dell’assicurazione sul parabrezza. Tuttavia sono tenuti a tenere sempre a bordo il certificato di assicurazione, che è il documento ufficiale per attestare l’esistenza di una regolare copertura Rc auto.

Come anticipavamo all’inizio, le sanzioni in caso di guida senza assicurazione obbligatoria sono piuttosto pesanti: il codice prevede infatti una multa da 841 a 3.287 euro e il sequestro del veicolo (con spese di prelievo, trasporto e deposito a carico del proprietario). La multa viene ridotta del 30% se pagata entro 5 giorni dalla contestazione o ad ¼ se si sceglie di demolire la vettura (in questo caso entro 30 giorni).

Articolo tratto da Facile .it

Annunci

Assicurazione auto:Adesso lo Sconto Arriva grazie a Facebook.

I profili dei potenziali clienti si valutano su Facebook…

1-original

Le compagnie di assicurazione auto potrebbero utilizzare i social network e in particolare Facebook per valutare il “profilo di rischio” dei potenziali clienti. Anzi una società britannica, l’Admiral, ha già annunciato che lo farà, proponendo ai neopatentati la possibilità di accedere a sconti (fino al 15%) sulle tariffe RC auto in base ai risultati di un’analisi che verrà effettuata sui loro profili social.

In pratica se i post, i like e i commenti delineeranno le caratteristiche di una personalità “coscienziosa e affidabile”, i nuovi assicurati potranno ottenere un’immediata riduzione della polizza, senza dover attendere la lunga scalata della classe di merito. Quindi mettere un “mi piace” su Facebook a un particolare musicista o a uno sportivo famoso, oppure pubblicare un determinato status, potrebbero rivelare se il cliente “sotto osservazione” sia un guidatore aggressivo, prudente o equilibrato.sara-services

Di fronte alle reazioni piuttosto sconcertate della stampa, la compagnia britannica ha precisato che il rivoluzionario sistema sarà utilizzato soltanto per offrire ai clienti uno sconto sulla polizza RC auto, premiando quelli particolarmente avveduti, e non sarà mai impiegato per far lievitare il costo dell’assicurazione. “I neopatentati pagano spesso premi assicurativi molto più elevati perché sono visti come guidatori ad alto rischio”, ha spiegato un dirigente dell’Admiral, “Ma noi vogliamo far in modo che gli automobilisti prudenti non siano penalizzati e ottengano il miglior prezzo possibile. E il metodo funzionerà perché c’è un nesso provato tra la personalità delle persone e il modo in cui guidano”.

In un primo momento la scelta di aderire a questo sistema sarà su base volontaria (chi vorrà lo sconto dovrà autorizzare la compagnia a “sbirciare” il proprio profilo Facebook), esattamente come altri servizi, quali la scatola nera e i dispositivi che tracciano velocità e posizione durante la guida, che già consentono di ottenere sconti sulle tariffe. Ma la tendenza è ormai chiara: il rapporto tra assicurazioni e social network è destinato a diventare sempre più stretto.

Risparmia fino a 500€ sulla RC auto clicca-qui[1]

RC AUTO, NON SERVE STAMPARE I DOCUMENTI BASTA LO SMARTPHONE

rca-cessa-obbligo-documenti-cartacei-e1477384535129

Per il settore assicurativo i primi mesi del 2016 sono stati caratterizzati da enormi cambiamenti, tra cui il più importante è stato il passaggio dalla carta al digitale. Al di là della dematerializzazione dei documenti assicurativi, gli effetti delle altre novità sono stati meno pubblicizzati. E’ il caso per esempio della possibilità di non stampare più il certificato assicurativo che ora può essere esibito anche digitalmente, quindi attraverso uno smartphone o un tablet. Di questa novità si è parlato talmente poco che il Ministero dell’Interno pochi giorni fa ha diramato una nuova circolare (300/A/5931/16/106/15, 1 settembre 2016) per ricordare anche alle Forze di Polizia che si tratta di una possibilità reale per gli assicurati.

Come cambiano gli obblighi

Secondo l’articolo 180 del Codice della Strada, per poter circolare, un veicolo deve avere a bordo alcuni documenti, tra cui il certificato di assicurazione obbligatoria, nel quale viene indicato il periodo per il quale è stato pagato il premio e che attesta la presenza di una copertura assicurativa valida sul veicolo.

Ciò che cambia in maniera concreta le cose è che gli assicurati ora potranno tenere una copia di questo importante documento sui propri dispositivi elettronici, cessando l’obbligo di conservarne una copia cartacea a bordo del veicolo assicurato.

La progressiva dematerializzazione dei documenti

A dicembre del 2015, l’Istituto di Vigilanza sulle Assicurazioni ha radicalmente modificato il precedente Regolamento 34 emanando un provvedimento che dice: “Nel caso di stipulazione di contratti di assicurazione obbligatoria della responsabilità civile derivante dalla circolazione dei veicoli a motore, la trasmissione del certificato di assicurazione avviene su supporto cartaceo tramite posta o, ove il contraente abbia manifestato il consenso ai sensi del comma 2, su supporto durevole, anche tramite posta elettronica, nei termini di cui all’art. 11 del Regolamento ISVAP n. 13 del 6 febbraio 2008.”

I provvedimenti emanati da Ivass hanno a tutti gli effetti la valenza di una legge. Ciò significa che se il contraente assicurativo, in fase di stipula della sua polizza, ha espresso la preferenza di ricevere la documentazione via posta elettronica, egli non riceverà più il certificato in formato cartaceo.

E questo, in prospettiva, renderà tutto molto più facile, senza obbligare gli assicurati a ricorrere alla stampa del certificato e/o di eventuali duplicati. Ciò che è importante è che non sarà più legalmente applicabile la sanzione al conducente per mancato possesso dell’originale del certificato di assicurazione.

Risparmia fino a 500€ sulla RC auto clicca-qui[1]

Assicurazione auto e moto: più multe con il contrassegno digitale

1-original

Il 2015 è stato un anno di cambiamenti epocali per l’assicurazione auto e moto con l’introduzione dell’attestato di rischio elettronico e l’abolizione dell’obbligo di esporre il contrassegno cartaceo sul parabrezza, sostituito da nuovi e più efficaci sistemi di controllo come la lettura ottica della targa. Tali novità sono state introdotte sia per modernizzare il settore della RC auto che per debellare il fenomeno delle frodi assicurative, ben simboleggiato dall’incredibile numero (si parla di circa quattro milioni) di vetture che circolano senza assicurazione obbligatoria.

Ora, a poco meno di un anno (era il 18 ottobre del 2015) dalla scomparsa dei tagliandi di carta dai parabrezza di tutti veicoli, in molti si domandano se il cambiamento abbia effettivamente portato i suoi frutti, consentendo per esempio alla forze dell’ordine di individuare con maggior efficacia chi froda le compagnie assicurative e fa impennare le tariffe dell’assicurazione moto e auto (per la serie: i mancati introiti derivanti dalle truffe li pagano conducenti onesti).

In realtà non è chiaro se le cose siano effettivamente migliorate: sia perché mancano cifre ufficiali, sia perché le solite pastoie burocratiche stanno limitando la piena efficienza della nuova normativa, tanto che qualche mese fa il Ministero dell’Interno è dovuto intervenire con un’apposita circolare per evitare che sorgano fastidiosi fraintendimenti durante i controlli e inizino a fioccare multe anche per chi è in regola. In particolare dal Ministero consigliano vivamente di portare sempre con sé non solo il certificato di assicurazione, che è obbligatorio, ma anche l’attestazione di avvenuto pagamento del premio e la copia del contratto. Questo perché i controlli elettronici a distanza non sono ancora a pieno regime.

L’hanno per esempio imparato a proprie spese numerosi automobilisti e motociclisti di Genova che avendo tolto il contrassegno dal parabrezza delle rispettive vetture perché ormai non serviva più, sono stati multati lo stesso, nonostante l’evidente buona fede, per mancanza del certificato di assicurazione. Da gennaio a luglio 2016 le multe di questo tipo sono state 1.032, con un amento del 18% rispetto al 2015.

Tratto da Facile.it
ASSICONSER è  PARTNER NETWORK di Facile.it

RC auto: nuove figure professionali per gestire la digitalizzazione del settore

1-original2

Le novità in ambito tecnologico e digitale stanno cambiando il mondo della RC auto, obbligando le compagnie assicurative a modificare il proprio assetto organizzativo con l’inserimento di nuove figure professionali, o l’aggiornamento e la riqualificazione delle vecchie, in grado di sposare appieno il processo di trasformazione digitale.

Processo che naturalmente è già in corso, visto che le maggiori imprese di assicurazione lavorano ormai da tempo su prodotti assicurativi sempre più innovativi, tra cui per esempio i servizi basati sulla sensoristica di bordo come le polizze abbinate alla scatola nera (alle quali hanno già aderito, anche per accedere agli sconti previsti, 4,8 milioni di assicurati), e sono pronti a completare l’offerta nel giro di pochi anni per presentarsi alla clientela con un’assicurazione auto connessa, intelligente e soprattutto personalizzata.

In questo contesto diventa quindi fondamentale l’aggiunta di nuove figure professionali in un comparto assicurativo che scarseggia ancora in competenze digitali, anche se il 43% degli assicuratori che hanno partecipato a un recente sondaggio ha dichiarato di voler accrescere le proprie conoscenze in questo campo. Le compagnie assicurative sono perciò già impegnate a modificare l’assetto organizzativo, individuando nuove professionalità in grado di gestire il rinnovamento.

Per esempio, come spiega un articolo pubblicato su Quattroruote, tra le figure più richieste ci sono quelle del team manager, chiamato tra le altre cose a coordinare il front e il back office, e del responsabile dell’innovazione. Quest’ultima è la figura più strategica perché è chiamata a gestire i canali digitali come web, mobile e social media, sia dal punto di vista dei contenuti che della comunicazione, oltre all’interazione con il cliente. Inoltre, a queste figure professionali potrebbero presto aggiungersene altre, capaci magari di definire nuovi modelli di business per le agenzie o in grado di decodificare i big data che arrivano dalle auto per offrire polizze a misura di cliente.

Tratto da Facile.it
ASSICONSER è  PARTNER NETWORK DI Facile.it

Risparmia fino a 500€ sulla RC auto clicca-qui[1]

RC Auto Garanzie accessorie: valuta quali scegliere

Quando Valuti le offerte di Più Co1-150mpagnie fai ATTENZIONE: Più economico non significa sempre più conveniente! Scegli le giuste garanzie accessorie: presta sempre attenzione al rapporto costi/utilità.

Garanzia Cos’è Prezzo medio
Infortuni conducente Risarcisce il conducente del veicolo, l’unica persona non assicurata dall’RCA, in caso di incidente con colpa 39,23€
Assistenza stradale Ti garantisce, in caso di sinistro, piccoli interventi di riparazione o il soccorso stradale del veicolo 24,37€
Tutela legale Ti risarcisce le spese legali che si rendano necessarie in conseguenza ad un sinistro 19,52€
Furto e Incendio Ti risarcisce in caso di furto del veicolo o in caso di danni provocati nel tentato furto e in caso di incendio, rapina, scoppio, esplosione o azione da fulmine 137,40€( dipende dal valore dell’auto )
Kasko collisione Ti risarcisce per i danni alla tua auto in caso di sinistro con colpa con altri veicoli 257,26€( dipende dal valore dell’auto )
Cristalli Ti risarcisce per la rottura dei cristalli del veicolo da persone o imprevisti 46,49€
Eventi naturali Ti rimborsa i danni subiti dall’auto causati da un evento naturale (es. grandine) 65,57€
Tratto da Facile.it
ASSICONSER è  PARTNER NETWORK DI Facile.it