Premi di Assicurazione per Alluvioni e Terremoti detraibili dal 2018

La legge di bilancio 2018 introduce una nuova detrazione per i premi assicurativi che coprono il rischio di eventi calamitosi-terremoti alluvioni frane

Questo slideshow richiede JavaScript.

La legge di Bilancio 2018 con effetto dal 1 gennaio 2018 modifica l’art.15, comma 1 DPR 917/86 che prevede la detrazione di un importo pari al 19% di alcuni oneri sostenuti da contribuente.

Il comma 768 dell’unico articolo della Legge di Bilancio 2018, introduce all’art. 15 del TUIR una nuova lettera per la detraibilità degli oneri assicurativi, piu’ precisamente la lettera f bis che testualmente recita :

f-bis) i premi per assicurazioni aventi per oggetto il rischio di eventi calamitosi stipulate relativamente a unità immobiliari ad uso abitativo; ».

La detraibilità è consentita per le spese sostenute dal 1 gennaio 2018.

Ecco il testo della legge bilancio 2018

Assicurazione casa: nuovo bonus dalla Legge di Bilancio 2018

 

Assicurazione casa: nuovo bonus dalla Legge di Bilancio 2018

La Legge di Bilancio 2018 contiene un importante bonus fiscale sull’assicurazione casa contro le calamità naturali (terremoti, alluvioni, frane e simili): la detrazione del 19%, già prevista per le polizze vita, dal prossimo anno si applicherà anche ai contratti assicurativi stipulati per difendersi da ogni genere di evento calamitoso a protezione della casa.

La misura è stata adottata per incentivare la sottoscrizione di polizze che assicurano contro i disastri naturali (attualmente stimate in circa 400 mila), in modo da sollevare lo Stato da parte delle enormi spese destinate alla ricostruzione, stimate in circa 3,3 miliardi di euro all’anno.

L’Italia,com’è noto,

Assicurazione Auto…Scopri Il Risparmio ASSICONSER
Scopri Ora se quello Che PAGHI per La TUA ASSICURAZIONE AUTO e’ il GIUSTO PREZZO… Basta un Click… …E Ricevi Subito la Risposta Sulla Tua E-MAIL

pur essendo un paese ad alto rischio idrogeologico e sismico, non prevede la copertura obbligatoria dei rischi catastrofali sugli immobili, come per esempio avviene in Francia e in altre nazioni. E il Governo, per far fronte alla gestione dei danni economici connessi a questi eventi, ha deciso quindi di seguire la strada dell’incentivo fiscale.

Ma perché gli italiani (soprattutto quelli che vivono nelle zone più delicate) si assicurano poco contro le calamità naturali, nonostante gli ormai frequenti casi di terremoti e alluvioni? Innanzitutto per i costi, spesso percepiti come troppo elevati, poi perché sottovalutano la possibilità di essere danneggiati e coinvolti da questo tipo di eventi, e infine perché danno per scontato l’intervento e l’aiuto da parte dello Stato.

Con il bonus fiscale sull’assicurazione casa contro le calamità naturali il Governo conta di incrementare del 20% annuo il numero di queste polizze, fino a stabilizzarsi dopo cinque anni di applicazione. Infatti, come si legge nel comunicato stampa emanato da Palazzo Chici “se si ipotizza un importo medio del premio versato di 150 euro e applicando l’aliquota del 19%, dovrebbe verificarsi una perdita di gettito Irpef di competenza pari a 13,7 milioni di euro per il 2018, 16 per il 2019, 18,2 per il 2020, 20,5 per il 2021 e 22,8 a partire dal 2022″. Vedremo se queste previsioni andranno a buon fine, ma non c’è dubbio che ultimamente, tra bonus assicurazione casa, assicurazione affitto e cedolare secca (rinnovata fino al 2019), ai possessori di case siano state riservate numerose agevolazioni. Chissà se questi provvedimenti serviranno per rilanciare ulteriormente il mercato immobiliare.

Articolo tratto da Facile.it

Leggi anche: Premi di Assicurazione per Alluvioni e Terremoti detraibili dal 2018

PROTEGGERE LA TUA CASA E’ UNO SPETTACOLO.
PROTEGGERE LA TUA CASA E’ UNO SPETTACOLO. Leggi Articolo…