Come funziona la scatola nera Unibox di Unipol

Si torna periodicamente a parlare di scatola nera ed RCA, in merito soprattutto ai vantaggi, anche economici, derivanti dalla scelta di installare questo dispositivo in auto.

Vediamo attraverso l’esempio di Unibox di Unipol come funziona una scatola nera e a quali esigenze pratiche può andare incontro, oltre a quella di essere un mezzo antifrode.

Unipol propone in abbinamento alla RCA un dispositivo satellitare, Unibox, che unito alla garanzia assistenza stradale offre una centrale operativa attiva tutti i giorni, 24 ore su 24, per un intervento preciso e tempestivo in emergenza. In particolare poi il dispositivo Voice mette a disposizione un vivavoce integrato così da poter contattare direttamente un operatore in caso di incidente ma anche per risolvere la situazione in caso di auto in panne. Una serie di servizi di assistenza integrati sono offerti al cliente in base al tipo di Unibox scelta: SuperEasyFullVoice. L’utilizzo della scatola nera e il controllo dei dati raccolti è facilitato dall’apposita applicazione per smartphone e tablet che il guidatore può consultare.

La raccolta dati è sempre attiva, qualsiasi versione si scelga, così da consentire anche l’allarme urto alla centrale operativa, automatico quando l’incidente registrato è grave. Altri servizi attivi per tutte le versioni sono il controllo della velocità in relazione ai limiti e un sistema per ritrovare l’auto grazie alla geolocalizzazione, utile soprattutto in caso di furto. Grazie al satellite è possibile avere un alert tramite app in caso di accensione e spostamento dell’auto quando in teoria dovrebbe essere parcheggiata e ferma e altri servizi di assistenza a distanza per non trovarsi mai totalmente isolati e in difficoltà se la macchina ha dei problemi.

Per chi abita a Milano, Torino, Genova, Bologna, Firenze, Roma,Napoli, o Palermo Unipol propone KM&SERVIZI CITY, prodotto collegato all’installazione di Unibox e alla sceltadella riparazione diretta. Questa soluzione dà accesso a sconti su alcunegaranzie accessorie e a servizi di assistenza gratuita presso i partner diUnipol, MyGlass, Auto Presto & Bene e UniSalute.

Tratto da facile.it

ASSICURAZIONE: La Scatola NERA!!

La SCATOLA NERA nell’assicurazione auto: a cosa serve e come funziona:

Un sistema sicuro e conveniente per risparmiare sull’assicurazione a1-original[2]uto è installare a bordo una scatola nera. Gli automobilisti che scelgono questo tipo di polizza possono approfittare di tariffe più convenienti e ottenere sconti legati al loro stile di guida. Più si è corretti al volante meno si paga. Ma non solo: le scatole nere danno anche maggiori garanzie in caso di furto, perché permettono di individuare facilmente il luogo in cui si trova l’auto.

Cosa dice la legge

Le norme che regolano le assicurazioni con scatole nere sono contenute nel DDL Concorrenza. Il DDL obbliga le compagnie assicurative ad applicare “sconti significativi” sulla RC Auto a tutti i consumatori che scelgono di installare una scatola nera sul proprio veicolo. Le com
pagnie assicurative devono comunicare in anticipo a quanto ammonta lo sconto, che in ogni caso non potrà essere inferiore a quello indicato dall’ IVASS.

Questa scelta non comporta costi per l’automobilista: le spese per l’installazione dei dispositivi sono infatti a carico della compagnia scelta.
Se installi la scatola nera e la tua compagnia assicurativa non applica le tariffe scontate può essere sanzionata fino a 40.000 euro.

Come funzionano le scatole nere

La scatola nera registra e trasmette la propria posizione ai satelliti a cui è collegato e altre informazioni come la velocità, le accelerazioni e le decelerazioni a una centrale opcropped-cropped-posso-risp1.jpgerativa attraverso un collegamento telefonico. Quelle che sono comunemente indicate come “scatole nere” sono localizzatori satellitari GPS installati a bordo dell’auto.
La scatola nera, una volta entrata in funzione, registra la posizione dell’auto, i percorsi effettuati e la velocità di percorrenza. Usare questo strumento è vantaggioso sia per gli automobilisti sia per le compagnie assicurative. Non solo si può ricostruire con precisione la dinamica degli incidenti stradali, ma si può anche definire il profilo dell’automobilista sulla base delle sue abitudini di guida. Il risultato sono coperture personalizzate e, in caso di sinistro, una maggiore precisione nella ricostruzione delle responsabilità dei soggetti coinvolti e nella liquidazione dei danni.
In caso di furto grazie al segnale GPS puoi rintracciare più facilmente l’auto.

Scatole nere e privacy:

I dati registrati dalle scatole nere possono essere usati dalla compagnia assicurativa per offrire una copertura RC Auto personalizzata. La compagnia può consultare i dati in caso di incidente, per verificare cos’è accaduto e definire le responsabilità degli automobilisti coinvolti, oppure per calcolare il premio dovuto nel caso delle assicurazioni temporanee e basate sullo stile di guida.
Nelle polizze “a consumo” il premio è calcolato sulla base delle abitudini di guida dell’automobilista. Sul costo dell’RC Auto pesano diversi elementi che possono essere monitorati tramite il rilevatore satellitare, come ad esempio la percorrenza di strade considerate pericolose, il rispetto dei limiti di velocità e gli orari in cui si utilizza l’auto.
Se intalli la scatola nera, la tua compagnia è obbligate a informarti su come verranno usati i tuoi dati.

Quanto si risparmia grazie alla scatola nera

Il risparmio – che deve essere obbligatoriamente superiore al costo di installazione della scatola nera – si aggira in media tra il 10 e il 20% rispetto alla polizza standard, con picchi che arrivano fino al 60% per alcune categorie di automobilisti.

Tratto da Facile.it

assconser%20montagnana2[1]